Traduttore Inglese Italiano

Benvenuto nel traduttore inglese italiano

TRADUTTORE INGLESE ITALIANO ONLINE: FATTI, STORIA E QUOTIDIANITA’

Ogni giorno un numero enorme, e sempre maggiore, di utenti si affida ai traduttori online; per alcuni è ormai un’azione del tutto naturale: per un qualsiasi motivo (lavoro, studio, svago, informazione) ci s’imbatte in un sito, o testo, in Inglese (prendiamo il nostro caso e consideriamo un utente tipo italiano), si apre in fretta e furia il traduttore inglese italiano online prediletto, si effettua la traduzione e improvvisamente tutto diventa più chiaro. Ormai non è più necessario telefonare a quell’amico che parla tanto bene l’inglese oppure armarsi di dizionario: in un solo click si ha il mondo a portata di mano e la possibilità di capire qualcosa che fino a un attimo prima sembrava ignoto. E ‘bene avere anche accesso a un sito inglese sulla traduzione

Quello che abbiamo fatto prima in traduttore inglese italiano

Ma da dove saltano fuori questi traduttori automatici? E soprattutto come abbiamo fatto a vivere senza prima? Queste domande non sorgono tanto spontanee perché purtroppo, o per fortuna, il continuo progresso che la tecnologia intraprende davanti ai nostri occhi sembra essere talmente veloce che molto spesso non ce ne rendiamo neanche conto: basta prendersi un momento per guardarsi intorno. Siamo letteralmente circondati da dispositivi, oggetti e software dei quali solo pochissimi anni fa non avremmo neanche potuto immaginare l’esistenza, eppure eccoli qui, al servizio della nostra quotidianità.

Diciamo che anche se la potenza di Internet ne ha amplificato solo di recente (parliamo del 2003) le capacità e l’utilità, i sistemi di traduzione automatica suscitano l’interesse degli addetti ai lavori da non poco tempo e lo dimostra il fatto che già nella prima metà del 1900, qualcuno si dilettava in particolari esperimenti a riguardo. Il crescente sviluppo dell’informatica verso la metà dello stesso secolo ha posto le basi per approfondire questi interessi ed è ovvio che da lì in poi la traduzione automatica ha fatto moltissima strada, passando prima per appositi dispositivi per poi arrivare alla consacrazione grazie al web.

Il sistema su cui si basano questi traduttori online è roba per cervelloni e sinceramente non sta a noi entrare nel merito di sistemi di computazione e quant’altro. Quello che possiamo senz’altro affermare però, è che si tratta di dispositivi informatici che in qualche modo è necessario saper usare. All’utente tipo italiano non basterà affidarsi cecamente a un qualsiasi traduttore inglese italiano: egli deve infatti comprenderne innanzitutto i limiti e utilizzarli a suo vantaggio, senza mai “spegnere il cervello” solo perché il sistema ci permette di cestinare il vecchio e pesantissimo dizionario. Un qualsiasi traduttore inglese italiano automatico infatti offre il meglio quando dall’altra parte c’è un utente in grado di applicare alla traduzione estrapolata dal web, le sue conoscenze linguistiche (anche se egli parla solo italiano) e renderla unica e soprattutto plausibile.

Precedentemente ci siamo chiesti come abbiamo fatto a vivere senza traduttori automatici e probabilmente la risposta risiede nel fatto che non potevamo immaginarne l’esistenza; oggi invece la loro esistenza ci sembra fin troppo scontata e quindi la vera questione è: quali livelli di affidabilità raggiungeranno questi sistemi di traduzione? La risposta non la sappiamo ma alla luce di quello che vediamo questa volta forse, siamo in grado di immaginarla. Tuttavia se il passato e il futuro non contano, perché uno se n’è già andato e l’altro non è ancora arrivato, concentriamoci sul presente e approfittiamo delle possibilità che esso ci offre e degli ottimi traduttori online a disposizione per chiarire tutti i nostri dubbi linguistici.

www.andromedanew.com

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.